Il bubbo cine

Ohne dich ist alles doof

La ragazza dei perché

Lascia un commento

Lei era sempre stata una ragazza piuttosto normale, aveva la sua cerchia di amici, usciva spesso e robe così.
Poi tutto d’un tratto si è chiusa come un riccio e ha tirato anche fuori le spine. Non voleva più parlare con nessuno, né di sé né dei suoi problemi, pensava che tutto sommato fosse più facile così, senza dover dare spiegazioni a nessuno.
Lei era una ragazza che pensava continuamente, aveva sempre qualche idea che le girava per la testa, storielle che si raccontava nella mente, ma ultimamente si sentiva parecchio più triste del solito. E non ne capiva il motivo. Poi, una mattina, mentre stava aspettando l’autobus ha capito cosa c’era che non andava, ha capito come mai non andava d’accordo con gli altri.
I perché.
Ecco cosa non andava, mancavano i perché.
La gente con lei non si era mai spiegata. E lei, di quelle spiegazioni, ne aveva bisogno, erano la sua linfa vitale. Capire le cose era ciò che la faceva andare avanti nella vita, una specie di missione. Per ogni evento, cosa, azione c’era di seguito una spiegazione. E tutto era perfetto.
Ma in fondo, lei si è resa conto che quelle risposte le mancavano fin da piccola, quando la mamma, pur amandola sopra ogni cosa, preferiva liquidare con un “perché è così” o con un “perché i bambini non lo fanno” la sua sete di conoscenza e la sua curiosità.
Lei era una ragazza davvero curiosa, oh si.. si divertiva a cercare i significati delle parole sui dizionari, si divertiva a frugare tra i libri delle superiori quando non era sicura di qualche data, se stava guardando un film e le passava per la mente “chissà i tedeschi come dicono quella roba lì” si fiondava sul dizionario cercando di schivare i vaffanculi delle coinquiline e la curiosità spesso era l’unica cosa che vinceva sulla sua pigrizia e le dava la forza di alzarsi dal divano.
Ma ora, anche ora che era grande, quando chiedeva un perché alle persone, non aveva mai risposta.
E questo la faceva stare davvero male; lei le spiegazioni le dava sempre a tutti, era un dovere morale. Le spiegazioni si devono agli altri.
Le spiegazioni servono per capire come mai una cosa è andata in un certo modo e aiutano a superare qualche momento difficile. Ma lei, ovviamente, non poteva riuscire a superare un bel niente se nessuno le spiegava certe cose.

E allora lei non ha ancora deciso se cadere nella trappola del non spiegarsi mai e scappare o se continuare per la sua strada e aiutare gli altri a capire senza ricevere niente in cambio.


Lo so che è invernale, vecchia e arrivo dopo anni alle cose, e anzi, ci arrivo solo grazie alle segnalazioni dei miei pusher di mp3 di fiducia che sono Polaroid e Inkiostro, ma mi ci vuole un po’ di tempo per apprezzare le cose. Poi però, di canzoni come questa, mi innamoro alla follia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...